Amiconiglio onlus: un coniglio per amico


Serious_bunny_(5767442711) (Copy)Ebbene si, i dati Eurispes confermano che il coniglio è oggi il terzo animale per presenza nelle nostre case. Gigante o nano che sia, dunque, sempre più questo piccolo amico a quattro zampe condivide con noi le sue giornate, amato e coccolato, viziato e protetto, ma non solo.
Infatti, proprio come gli altri animali domestici sempre più il coniglio (ed allo stesso modo le cavie peruviane) sta diventando vittima di abbandoni e di maltrattamenti, scomodo da portare in vacanza, ben poco propenso a comportarsi da peluche per i bambini, delicato e spesso costoso da curare.
E, allora, che fare se ne troviamo uno? E se, invece, ne volessimo adottare uno a chi possiamo rivolgerci? E c’è qualcuno che si occupa dei conigli?
Per avere risposte a tutte queste domande e a molte altre ancora, abbiamo deciso di conoscere più da vicino un’associazione di volontariato, che da anni opera in tale ambito: AmiCOniglio onlus.
Ad aiutarci in questo viaggio è stato Fabio Marcone, Responsabile Ufficio Stampa, al quale vanno tutto il mio sincero ringraziamento, soprattutto per aver trovato tempo per incontrarci, malgrado i suoi tantissimi impegni.

D. Mi fai una breve presentazione di AmiCOniglio?
FB: AmiCOniglio è un’associazione Onlus che si occupa principalmente della tutela e del benessere del coniglio, recuperando conigli abbandonati e cercando loro una nuova famiglia. Non raramente gestisce anche altri animali affini ai conigli, come cavie (“porcellini d’india”), cincillà, gerbilli, citelli, ecc.
Nel 2001 alcuni volontari appassionati di conigli decisero di organizzare il primo raduno nazionale a loro dedicato. Tale raduno prevedeva alcune conferenze sul coniglio che all’epoca non era assolutamente considerato come probabile animale da compagnia. Alcuni anni più tardi, vista la poca presenza di associazioni dedicate a questo animale, gli stessi volontari decisero di fondare “AmiCOniglio” (cioè un Coniglio per Amico), dopo aver maturato negli anni precedenti una grande competenza sulla gestione dei conigli stessi.
AmiCOniglio è una associazione strutturata per settore di attività (adozioni, adozioni a distanza, eventi, shopping, emergenze etc). Ogni attività ha un suo responsabile ed un suo gruppo di volontari che rispondono ad un indirizzo e-mail dedicato. A capo dell’associazione il direttivo, composto dal Presidente Amedeo, dal Vicepresidente Dario e da tre volontarie storiche – Maura , Nicol e Marina .
AmiConiglio opera principalmente e in maniera capillare sul territorio della regione Lazio. Ma spesso si trova ad operare al di fuori di tale territorio, in collaborazione con altre associazioni, creando quindi una rete di collaborazione, condivisione, comunicazione e supporto molto efficace a livello nazionale.

silver (Copy)D. Di cosa si occupa nello specifico la vostra associazione?
FB: AmiCOniglio Onlus si occupa principalmente di due importanti attività:
Recupero, cura e inserimento in nuova famiglia adottiva di conigli, cavie ecc.
L’amore per i conigli e l’aiuto che riusciamo a dare loro è ovviamente il centro della nostra mission, che prevede l’impiego di una squadra operativa costituita da circa 15 volontari sparsi sul territorio, che entrano in azione in caso di segnalazioni ricevute (emergenze@amiconiglio.it), si adoperano per il soccorso e per le cure mediche presso i migliori  veterinari “esperti in animali esotici” della città di Roma, poi per lo stallo e per l’inserimento in una nuova famiglia adottiva. Due fasi importanti sono la ricerca della famiglia adottiva, svolta dal settore adozioni (responsabile Elisa – adozioni@amiconiglio.it) con visita preadozione e verifica sul posto dei requisiti degli adottanti, e la gestione dell’animale durante la fase di stallo, al fine di riabituarlo al contatto con l’uomo e di insegnargli di nuovo a fidarsi di noi.
Attivita’ di informazione
Il coniglio è un animale che richiede una gestione particolare. Sono note molte conoscenze errate per la salute dell’animale: il coniglio non mangia pane e derivati dei cereali, non mangia carote, è un erbivoro stretto (erba e fieno sono il suo principale alimento), non ha cattivo odore, è educato nell’utilizzo della lettiera, e con i nostri insegnamenti, affinati dalla collaborazione con i migliori veterinari esperti in esotici, può superare anche i 10 anni di vita. Ecco perchè AmiCOniglio promuove l’informazione e dispensa le proprie conoscenze 24 ore su 24 in ogni attività svolta. Il nostro primo pensiero è sempre la salute ed il benessere dei nostri amici pelosetti.

D. Quali sono i progetti che avete attivi al momento e cosa state preparando per il futuro?
FB: Il progetto più importante che stiamo sviluppando in questi giorni, presentato lo scorso 28 e 29 maggio durante il nostro evento “Il pianeta dei Conigli 2016”, è il Progetto Arcobaleno, Educazione Assistita con Animali, una ramo della Pet Terapy per capirci meglio, con la collaborazione del prestigioso Istituto delle Suore Angeliche di San Paolo a Roma. Il progetto, nato da un’idea della professoressa psicologa Antonia Memmo, è volto a sostenere il percorso educativo ed emotivo corretto dei bambini attraverso il contatto con il coniglio, animale comunemente ritenuto debole ma invece dotato di personalità e sensibilità.
Gli addetti ai lavori saranno la dottoressa Emanuela Rossi, psicopedagogica responsabile del progetto, ed il dott. Alessandro Melillo, veterinario esperto in animali esotici. I conigli saranno selezionati tra i nostri trovatelli, trasferiti nell’area verde messa a disposizione dalla scuola, che noi volontari dell’associazione abbiamo messo in sicurezza e ristrutturato nel corso degli ultimi 8 mesi, e seguiranno un protocollo veterinario di controllo e cura, al fine di garantire il miglior risultato possibile nell’approccio con i bambini dell’istituto.

Volontari al lavoro (Copy)D. Come si sostiene l’associazione?
FB: L’associazione si sostiene con le manifestazioni di affetto e il sostegno di tante tante persone appassionate al nostro mondo. Manifestazioni che ci arrivano attraverso il nostro Market Online (responsabile Danielle – shopping@amiconiglio.it), dalle donazioni ricevute per le adozioni a distanza (responsabile Pamela – adozioniadistanza@amiconiglio.it), dalla realizzazione di eventi (a cui collabora attivamente tutto l’organico dell’associazione) e dal cinque per mille. A proposito, siamo in periodo! Per chi volesse ytenerci in considerazione, il nostro codice fiscale è 97498280581.

D: Quanto è grave in Italia il fenomeno dell’abbandono e, soprattutto, perché la gente abbandona conigli e cavie?
FB: Già, perché? Questa domanda ce la siamo posta un milione di volte, ogni volta che veniamo contattati per un recupero, ogni volta che riceviamo una mail da persone che manifestano inaspettate  allergie, o che hanno comprato un cane e quindi debbono disfarsi del coniglio.
Di fatto il coniglio è il terzo animale da compagnia presente nelle case degli italiani, dopo cane e gatto, e rispetta purtroppo in proporzione le elevate percentuali di abbandono dei pet.
A questo proposito il messaggio che vogliamo comunicare è che un animale è una vita, e come tale merita rispetto e prevede delle responsabilità. Altrimenti meglio scegliere un peluche. E se proprio siete decisi nella scelta di un compagno animale, non acquistatelo ma rivolgetevi a tutte le associazioni, percorrete la via dell’adozione.

D: Come si diventa volontari della vostra associazione?
FB: E’ molto semplice. E’ sufficiente scrivere una mail a volontari@amiconiglio.it. Il nostro responsabile volontari, Vincenzo, risponde alle richieste inviando un modulo con le nostre attività principali (sopra ampiamente descritte). Così ognuno può decidere di donare il proprio tempo alle attività più congeniali o semplicemente preferite.
Rispetto agli ultimi due anni il numero dei volontari attivi è aumentato del 30% e prevediamo ancora crescita. Ma soprattutto chi entra in AmiCOniglio rimane con noi, trova un ambiente familiare, un’isola felice.
Colgo l’occasione per salutare e ringraziare tutti gli altri volontari che non ho finora nominato: Francesca, Cristiano, Chiara, Sabrina M. e Marco, Silvia, Stefano, Rita, Letizia, Andrea…

Volontari durante un evento (Copy)D. C’è una storia che vi ha colpiti in maniera particolare?
FB: In realtà le storie sono due.Silver, un coniglio proveniente da una cessione, ricevuto in condizioni pietose a causa di una patologia dovuta al troppo tempo tenuto chiuso in gabbia. Di lui si sono occupati Dario ed Elisa, gli hanno dato amore, cure mediche – è stato necessario anche un delicato intervento – motivati ogni giorno dalla sua voglia di vivere e dal piacere che dimostrava nel ricevere le coccole. Hanno trovato per lui la migliore delle adozioni, uno dei nostri veterinari esperto in esotici, che lo ha accompagnato fino al ponte dell’arcobaleno.
Filippo, un coniglio forte, grande, proveniente anche lui da una cessione. Filippo viveva in una fattoria con la sua compagna. Il caso ha voluto che la loro area recintata fosse accessibile ad una volpe.
E’ accaduto che la volpe ha ucciso la compagna di Filippo ma Filippo ha ucciso la volpe, nel tentativo (riuscito) di proteggere i piccoli appena nati. Ed ha condotto l’umano, come proprio un cane avrebbe fatto, presso la tana facendo scoprire la prole, con la speranza di salvarla. Filippo è stato adottato dalla nostra Marina, che lo ha amato e gli ha permesso una vita serena, con ben tre compagne con cui condividere le giornate.
Sapete qual é l’elemento in comune di due storie così differenti? E’ l’amore con cui questi animali sono stati custoditi, protetti, curati, quell’amore, che spetta ad ogni membro della propria famiglia. Quell’amore che cerchiamo nelle persone che ci contattano per le adozioni.

In vista dell’arrivo dell’estate speriamo che il numero degli abbandoni non aumenti. Da parte della Redazione di Orizzonte Magazine, oltre al nostro ringraziamento per il tempo che ci è stato dedicato, va anche il nostro sincero apprezzamento a quest’associazione per quello che fa e soprattutto per come lo fa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *