Cinque cose da fotografare a Napoli


Qualche settimana fa ho avuto l’occasione di trascorrere una giornata a Napoli, una piccola e piacevole gita fuori porta con le mie amiche prima della sessione d’esami all’ Università. Come ho fatto anche con altre città, voglio consigliarvi 5 posti da visitare e, ovviamente, fotografare in una sola giornata a Napoli.

 

  • San Gregorio Armeno

 

San Gregorio Armeno è forse una delle strade più famose della città e dell’Italia intera, meglio conosciuta come la via dei presepi. Inutile dire come il periodo natalizio sia il migliore per visitare questa zona in cui l’arte presepiale fa da padrona e mette in mostra costruzioni e statuette di tutte le tipologie, dalle figure celebri del presepe cattolico a personaggi d’attualità. Quella dei presepi qui a Napoli sembra un’arte destinata a vivere in eterno.

 

  • Piazza del Plebiscito

 

Piazza Plebiscito è tra le piazze più grandi della città, posizionata a pochi passi dal meraviglioso lungomare. Qui si affacciano il Palazzo Reale e la Chiesa di San Francesco di Paola che, con il suo lungo colonnato, consente di scattare fotografie indimenticabili (consiglio di postprodurle in bianco e nero!)


  • Il Vesuvio

 

Simbolo caratteristico della città è il Vesuvio, il vulcano che riposa da più di 70 anni ma che continua a guardare la città, donandole una poeticità difficile da trovare altrove. Grazie al buon clima partenopeo non sarà difficile trovare buone condizioni climatiche per scattare foto paesaggistiche. Forse è questo lo scenario di Napoli che rimane più impresso: il mare, le barche che prendono il largo e il Vesuvio.

  • Castel dell’Ovo

 

Continuando la passeggiata sul lungomare raggiungiamo Castel dell’Ovo, altro simbolo della città e collegato alla strada da un piccolo istmo curato nei minimi dettagli: dai fiori nelle fioriere ai lampioni anticati. Inutile dire come al tramonto questo luogo offra degli scorci mozzafiato tutti da immortalare.

  • Il quartiere Vomero

 

Il quartiere Vomero sorge su una collina ed è rinomato come la zona più altolocata di Napoli, infatti fin dall’Ottocento l’urbanizzazione del quartiere fu rivolta alla casse alto – borghese della società. Ciò che distingue il Vomero è lo stile liberty dei suoi palazzi che tutt’oggi affascinano i turisti. Collegato al centro della città attraverso una fermata della metropolitana e una funicolare, il Vomero è il punto più alto di Napoli dove ammirare il suo golfo e innamorarsi definitivamente di lei.

 

 

 

Mi sento in dovere di raccomandarvi di posare le vostre macchine fotografiche e dedicare un altro punto della vostra giornata alla pausa pranzo. A Napoli, infatti, non potrete sfuggire al desiderio di sedervi in una delle tante pizzerie e assaggiare prelibatezze di ogni tipo… E perché no magari scattare anche qualche foto alla tavola imbandita. Nonostante impiegherete molto del vostro tempo in questa parte della giornata, sia per le file d’attesa e sia perché la pausa pranzo è sacra (soprattutto da Roma in giù!), credo che valga la pena godersi anche qualche piccolo momento di relax.

Spero di aver dato uno spunto a qualcuno di voi soprattutto in vista delle vacanze estive. Non so quale sarà la mia prossima meta, ma non vedo l’ora di parlarvene!

 

Foto e articolo di Federica Girardi

Foto1: scattata da Federica Girardi, vista di San Gregorio Armeno
Foto2: scattata da Federica Girardi, porticato di Piazza del Plebiscito
Foto3: scaricata da google, vista di Castel Dell’Ovo
Foto4: scaricata da wikipedia, vista da Posillipo

www.facebook.com/federicagirardiphoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *