La forza delle cose: Guttuso in mostra a Pavia


04_bucranio-mandibola-di-pescecane-e-drappo-nero-contro-il-cielo-copyGuttuso. La forza delle cose” è il titolo della mostra che Pavia dedica a uno dei più significativi rappresentanti dell’arte italiana contemporanea: Renato Guttuso.
La mostra, che resterà aperta al pubblico dal 16 settembre al 18 dicembre, inaugura la stagione autunnale delle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia. Curata da Fabio Carapezza Guttuso e Susanna Zatti, la rassegna è organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Pavia, l’Associazione Pavia Città Internazionale dei Saperi e con gli Archivi Guttuso.
Dalla fine degli anni Trenta le nature morte costituiscono una componente essenziale della produzione di Renato Guttuso e un punto di riferimento per gli artisti della sua generazione. L’artista indaga ossessivamente una serie di oggetti che si animano nelle tele e che diventano i protagonisti indiscussi delle opere, grazie alla straordinaria forza espressiva e alla potenza cromatica.
L’esposizione – con oltre cinquanta opere provenienti da prestigiose sedi espositive, tra le quali il MART Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, la Fondazione Magnani Rocca, i Civici Musei di Udine, il Museo Guttuso, la Fondazione Pellin e alcune importanti collezioni private – intende offrire al pubblico una prospettiva inedita e di grande fascino sul percorso artistico del maestro siciliano, studiando la forza delle cose rappresentata nelle sue opere.
La carica travolgente delle nature morte di Guttuso è certamente una caratteristica distintiva della sua pittura. La mostra presenta una serie di capolavori che documentano, negli anni Quaranta, con Natura con drappo rosso (1942) l’impegno dell’artista a testimoniare la drammatica condizione esistenziale imposta dalla dittatura e dalla tragedia della guerra, cui si contrappone, come una bandiera, il grande panno, rosso squillante; nel dopoguerra, con Finestra (1947) o Bottiglia e barattolo (1948), esprime il crescente interesse verso la sintesi post-cubista picassiana, che rivela il profondo impegno dell’artista nel recupero della cultura artistica europea; per arrivare, negli anni sessanta, ad una nuova fase della pittura guttusiana, che rivela una dimensione più meditativa, derivante anche dalla elaborazione, nei suoi scritti, dei temi del realismo e dell’informale, visibile ne Il Cestello (1959), La Ciotola (1960) e Natura morta con fornello elettrico (1961).06_natura-morta-con-fornello-elettrico-copy
L’esposizione si conclude con una selezione di dipinti della fine degli anni Settanta – inizio anni Ottanta, periodo in cui la continua ricerca del reale di Guttuso si accentua per dare vita a celebri dipinti come Cimitero di macchine (1978), Teschio e cravatte, Bucranio, mandibola di pescecane e drappo nero (1984) che diventano metafore e allegorie del reale.

Durante la sua carriera Renato Guttuso ha collaborato con importanti scrittori, come Moravia e Vittorini, scultori come Manzù e Moore, poeti come Pasolini e Neruda, registi come De Sica e Visconti, musicisti come Nono e artisti come Picasso. Questi rapporti influenzeranno i suoi lavori e ispireranno non solo dipinti, ma anche illustrazioni per libri, scenografie teatrali, collaborazioni cinematografiche, sodalizi letterari e politici.
Il percorso della mostra sarà arricchito da una serie di fotografie, in parte inedite, concesse dagli Archivi Guttuso, che permetteranno di approfondire la vita dell’artista, raccontandone abitudini, amicizie e curiosità.
Approfondimenti video, messi a disposizione da Rai Teche, permetteranno ai visitatori di avvicinarsi ulteriormente all’artista e alla sua opera, ascoltando la sua voce, vedendolo dipingere.
Accompagna l’esposizione un catalogo edito da Skira che, oltre ai saggi dei curatori, vanta un contributo del Professor Antonello Negri.
Per tutta la durata della mostra una serie di attività didattiche, incontri e visite guidate gratuite per bambini e adulti approfondiranno le opere e la vita di uno degli artisti più noti del Novecento italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *