Le novità della Legge di stabilità



Symbol of scales is made of stones on the cliff

Ecco i punti principali della manovra, per complessivi 32 miliardi di euro, prevista dalla Legge di Stabilità 2015 (N. 190 del 23.12.2014 pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29.12.2014):
80 euro in busta paga: la misura diventa definitiva;
bollo auto storiche: sparisce l’esenzione per le auto comprese tra 20 e 30 anni di età mentre resta quella per le auto con più di 30 anni;
bonus bebè: 80 euro al mese per 3 anni per bambini nati o adottati entro il 31 dicembre 2015 riservato a famiglie con tetto Isee pari a 25mila euro annui. L’importo mensile raddoppia (cioè 160 euro al mese per 3 anni) in caso di famiglia in condizioni di povertà assoluta (valore Isee sotto i 7mila euro);
buoni pasto: aumenta da 5,29 euro a 7 euro l’importo dei ticket elettronici non sottoposo a tassazione (dal 1° luglio 2015);
canone Rai 2015: importo congelato, si pagherà la stessa cifra del 2014 (113,50 euro);
ebook: la tassazione scende dal 22% al 4%;
ecobonus: prorogate di un anno (2015) le aliquote massime degli sconti fiscali su ristrutturazioni edilizie (50% che scenderà al 36% nel 2016) e riqualificazione energetica delle abitazioni (65%, esteso anche alle caldaie a biomasse);
evasione: nuove misure di contrasto e quota riconosciuta ai Comuni pari al 55% per la compartecipazione al recupero nel triennio 2015/2017;
Imu­-Tasi: bloccato per il 2015 il tetto massimo (2,5 per mille) fino al quale i comuni possono aumentare l’imposizione fiscale sulla prima casa con un aumento extra limitato allo 0,8 per mille (quindi in totale 3,3 per mille) che scongiura quindi l’iniziale intenzione di innalzare la tassa fino al 6 per mille;
investimenti nei settori scuola, lavoro, giustizia;
irap: taglio della componente lavoro dell’imposta;
contribuenti minimi: il vecchio regime fiscale (5%) viene sostituito da un nuovo regime a forfait che sarà variabile da attività ad attività e prevederà un’imposta del 15% da calcolare, in base all’attività, non più sulla differenza ricavi/costi ma in base ad uno specifico coefficiente;
mobili: prorogato fino al 31 dicembre 2015 il bonus per detrarre il 50% sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (10 rate annuali e importo massimo pari a 10mila euro) in abbinamento a ristrutturazione edilizia;
pellet: l’Iva sale dal 10 al 22%;
TFR in busta paga su base volontaria (con tassazione ordinaria) e senza costi per le imprese (buste paga comprese tra il 1° marzo 2015 e il 30 giugno 2018).

Cenno a parte merita la nuova moratoria per mutui bancari e finanziamenti. Grazie a questo intervento, per le PMI e le famiglie, il pagamento della quota capitale dei prestiti potrà essere sospeso per tutto il triennio che va dal 2015 al 2017. I dettagli delle misure dovranno essere definiti da un accordo tra MEF, il Ministero dello Sviluppo Economico, l’ABI (l’associazione di categoria delle banche) e le Associazioni Rappresentative delle Imprese e dei Consumatori, da sottoscrivere entro fine marzo 2015.
Forza dei Consumatori garantisce massimo impegno nella diffusione del Provvedimento e delle fasi di successiva realizzazione concreta, e sin d’ora tutti i Referenti sul Territorio Nazionale sono disponibili per qualsivoglia approfondimento.
Ci auguriamo, e auguriamo a Tutti i consumatori e a tutti i lettori, un 2015 di ripresa economica, e chiediamo a tutti la maggiore solidarietà possibile nei confronti di chi versa in difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *