A Pasqua agnello con piselli


AGNELLO con i PiselliCome tutte le tradizioni, anche quella pasquale ha i suoi simboli, che provengono dalla religione cristiana e che s’‘incontrano particolarmente a tavola, dato che il pasto spesso rappresenta l’unione con la divinità.
L’agnello è preminente fra tutti i simboli pasquali. La sua origine è connessa con la liberazione del popolo d’Iraele dalla schiavitù d’Egitto; per i primi cristiani esso passò a rappresentare il sacrificio di Cristo, e quindi la liberazione dalla morte attraverso la Resurrezione, tramandandosi con lo sesso significato fino ad oggi.
Sulla tavola pasquale l’agnello è presente in modi diversi fra i quali forse il più comune consiste nell’accompagnarlo con i piselli. Questi ultimi, infatti, sono il simbolo della primavera e della rinascita della terra, che dà i suoi primi frutti, verdi come la natura.
Un ulteriore simbolo sono poi le uova, che tradizionalmente si aggiungono a questa pietanza. Anche l’uovo rappresenta la rinascita, in quanto nelle antiche mitologie si credeva che l’universo si fosse sviluppato da un grande uovo.
Ed ora la ricetta:

Agnello con i piselli

Ingredienti:
1-1,500 kg circa di sovracoscia di agnello da latte,
500-600 gr di piselli freschi già sgusciati (oppure surgelati)
1 cipolla
3/4 di un bicchiere di vino bianco secco
1 spicchio di aglio (facoltativo)
olio extra vergine q.b.
sale grosso e fino q.b.

Solo per chi vuole seguire pienamente la tradizione:
1-2 uova
formaggio q.b. (pecorino grattugiato)
sale e pepe q.b.

ammodomioPrima di tutto strofinate i pezzi di agnello con una manciata di sale grosso e l’aglio, tenendoli da parte.
Subito dopo, in un tegame capiente, fate appassire nell’olio la cipolla affettata a velo e rosolate bene la carne; sfumate con il vino bianco, a fiamma viva, e aspettate che il liquido evapori. Potete a questo punto togliere la carne dal tegame, disossarla bene (non c’è nulla di peggio secondo me, che trovare frammenti di ossa mescolate a tradimento con i piselli), tagliarla a tocchetti e rimetterla in pentola, dandole un attimo per rosolarsi ancora, oppure lasciare i pezzi interi da disossare in seguito. Mettete anche i piselli nella stessa pentola, regolate di sale e portate a cottura a fuoco moderato, coprendo con un po’ di acqua tiepida tutta la preparazione. Sorvegliate la cottura, rimestando di tanto in tanto e, se necessario, aggiungete acqua tiepida. A cottura ultimata, alcuni usano mescolare 1-2 uova appena sbattute e salate con l’aggiunta di poco formaggio e pepe. Il calore farà rapprendere leggermente le uova, senza farle addensare eccessivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *